Nematodi in vigneto: se li conosci, li previeni

[ Visualizza tutti gli aggiornamenti ]

May 10, 2023 | 2023, News

Abbiamo quattro classi: i nematodi endoparassiti, semi-endoparassiti, ectoparassiti e i nematodi ectoparassiti migratori. Tipo di danno I danni causati dai nematodi endoparassiti galligeni Meloidogyne spp. sono facilmente visibili sulle radici per le vistose galle che provocano. Si tratta di iperplasie quale reazione alla puntura dello stiletto del nematode e alle sostanze da esso secrete, oltre […]

Abbiamo quattro classi: i nematodi endoparassiti, semi-endoparassiti, ectoparassiti e i nematodi ectoparassiti migratori.

Tipo di danno

I danni causati dai nematodi endoparassiti galligeni Meloidogyne spp. sono facilmente visibili sulle radici per le vistose galle che provocano. Si tratta di iperplasie quale reazione alla puntura dello stiletto del nematode e alle sostanze da esso secrete, oltre che alle masse di uova racchiuse nel corpo degli individui femmina parzialmente affogati nella radice.

Particolare di una galla causata da Meloidogyne spp

La conseguenza è un apparato radicale poco sviluppato che conferisce alla pianta una vegetazione scarsa e debole, riduzione quali-quantitativa della produzione e, in caso di forti attacchi, anche moria delle piante.

I sintomi aspecifici sulla parte epigea della pianta possono essere spesso confusi con sofferenze causate da stress idrico o deficit nutritivo con relative basse rese, crescita ridotta, scarsa colorazione delle bacche, scarsa lignificazione dei tralci.

Tra gli ectoparassiti migratori vettori di virus, Xiphinema index (foto 4) è stato il primo nematode per cui fu dimostrata la capacità vettrice di virus vegetali.

A Femmina adulta di Xiphinema index con particolari della vulva (v), dello stiletto (s) e dell’ano (a).

Appartiene alla famiglia dei Longidoridae che annovera una ventina di specie vettrici. È una specie diffusa in tutto il mondo e moderatamente polifaga, con ospiti preferenziali proprio la vite e il fico. Si adatta bene a vari tipi di terreno e risulta presente in ogni area viticola italiana.

Talvolta l’alimentazione diretta del nematode sulle radichette rappresenta un danno tollerabile per la vite, a eccezione di quando si è in presenza di elevatissime cariche di nematodi «disarmati» dal virus che trasmettono.

Il danno principale è invece determinato dalla trasmissione del GFLV (Grapevine Fanleaf Virus, responsabile della degenerazione infettiva o arricciamento fogliare della vite).

Questa malattia causa diversi quadri sintomatologici. Sulla vegetazione causa biforcazione dei tralci, raccorciamento degli internodi e malformazioni fogliari; i ceppi cromogeni del virus causano poii tipici ingiallimenti fogliari ben visibili in tarda primavera, per poi attenuarsi durante il periodo caldo estivo, andamento opposto a quanto invece avviene di solito per i giallumi da carenze nutrizionali.

Tra i nematodi vettori di virus che infettano la vite, soprattutto negli areali del Nord Italia, è presente anche Xiphinema diversicaudatum, vettore del virus mosaico dell’arabis (ArMV) su vite, riportato causare danni simili a X. index in altre zone viticole europee come Francia e Germania.

I nematodi semi-endoparassiti P. vulnus, T. semipenetrans, e quello ad anelli M. xenoplax  causano danni severi per il disfacimento dei tessuti radicali a causa della loro attività trofica; spesso le radichette morte si ammassano tra di loro fino a presentarsi con formazioni affastellate, sintomo poi indicato come «scopa di strega».

Femmina adulta di Tylenchulus semipenetrans (nematode
degli agrumi) durante azione trofica(A); inizio dell’infestazione su giovani radichette (B); larve di 2° stadio (C)

All’occhio esperto, l’inizio dell’infestazione si presenta con macchie necrotiche lungo le radichette e leggere malformazioni, ma qualche volta è possibile notare un’abbondante e gelatinosa matrice alla quale aderiscono particelle di terreno, conferendo loro un aspetto di sporco.

Anche in questo caso, i sintomi causati alla vite sono aspecifici, la vigoria risulta fortemente ridotta e le piante colpite perdono la capacità di assorbire acqua e nutrimenti soprattutto in condizioni di stress ambientale; le produzioni gradualmente si riducono e la coltivazione diviene antieconomica. Con forti infestazioni è veramente difficile contenere i danni e il vigneto è destinato a un declino inevitabile.

Tratto dall’articolo pubblicato su Vite&Vino n. 2/2023
Nematodi: se li conosci, li previeni
di C. Gentile, V. Melillo, L. Catalano
Per leggere l’articolo completo abbonati a Vite&Vino

Articoli correlati

Vite in Campo | Innovazioni

Vite in Campo 2023 – Antenna 3

Susegana: effetti speciali al castello per la viticoltura del futuro.
Serata particolare a Susegana; in campo i test per l'innovazione tecnologica tra le vigne del Prosecco, che hanno messo a confronto i macchinari per il trattamento con fitofarmaci.

Vite in Campo | Innovazioni

Vite in Campo 2023 – Askanews

Vino, oltre 1.500 visitatori alla quinta edizione di "Vite in Campo". Chiude con successo la manifestazione sull' innovazione in agricoltura, che si è svolta presso i vigneti dell'Azienda Agricola Conte Collalto di Susegana (TV).